Risotto alla crema di scampi

Pubblicato il da Railuken

Ingredienti:

Per il riso Pilaf:
450/ 500 gr. riso giallo 
80 cl. brodo chiaro
30 gr. burro

1 cipolla bianca

4 manciate di riso Pilaf
60-70 cl. panna liquida
� bicchiere di passata di pomodoro
8 scampetti
50 gr. gamberetti sgusciati
� bicchierino di brandy
30 gr. di burro
1 cucchiaio di parmigiano
sale q.b.

Preparazione:

Sgranare il riso Pilaf (vedi ricetta), prendere una padella e far sciogliere il burro.
Aggiungere gli scampi e poco dopo i gamberetti, mantecare e aggiungere il brandy. 
Far evaporare l'alcol e aggiungere la passata di pomodoro, cuocere per 1 minuto e mezzo, aggiungere la panna e continuare la cottura.
Aggiungere il parmigiano, aggiungere il riso Pilaf e verso fine cottura aggiungere il sale.



Tempo di preparazione:
20 minuti

Difficoltà:

media

Gli scampi sono crostacei che si prestano ottimamente alla realizzazione di antipasti, primi e secondi piatti. Abbiamo la scelta di mangiare e anche di cucinare gli scampi in diversi modi: crudi, conditi semplicemente con del succo di limone, olio d'oliva, o per piatti più particolari scegliere una salsa più originale, come ad esempio a base di yogurt o maionese. Il risotto agli scampi è un piatto tipico e molto raffinato presente sulle nostre tavole nella stagione estiva. 

Come riconoscere la freschezza degli scampi? Fare attenzione al colore dell'occhio, che deve essere nero, avere un tono vivace; altra peculiarità dello scampo per riconoscerne la freschezza riguarda il distacco tra testa e corpo, che non deve essere eccessivo: la testa del crostaceo non deve cedere.

La cottura degli scampi: abbiamo due possibilità, la cottura degli scampi privati del loro carapace oppure lasciati a cuocere integri, metodo che dà maggiore aroma. Per facilitare la pulizia dopo la cottura dobbiamo provvedere ad inserire le forbici ai lati dello scampo e proseguire fino in fondo, altrimenti dopo la cottura non riusciamo a sgusciarli. 

Dopo la cottura, se vogliamo pulire lo scampo partiamo dalla testa, in un secondo momento va invecei staccata la parte precedentemente tagliata con le forbici; si può lasciare la parte terminale come guarnizione. Se la cottura ce lo consente, dipende dal livello di secchezza del pesce, possiamo rimettere in padella per mantenerlo in caldo

Con tag Primi Piatti

Commenta il post